Sebbene in alcuni momenti ci appaia tutto nero, anche quest’anno possiamo trovare dei motivi per festeggiare. Dovremmo cercare di non vivere il periodo natalizio all’insegna della perdita, bensì della riscoperta e della creazione di nuovi rituali in grado di trasmetterci benessere. Altrimenti sarà tutto più difficile.

In questi duri mesi di pandemia abbiamo imparato a conoscere i nostri limiti. Per accettarci e perdonarci sono utili alcune pratiche come lo yoga, la preghiera, la meditazione. In aggiunta, ogni giorno sediamoci in un luogo in cui ci sentiamo bene, chiudiamo delicatamente gli occhi  e ripetiamo: “Che io possa prendermi cura di me, di tutto me stesso con gentilezza”.

Dicembre è sicuramente un mese magico, ma è anche piuttosto faticoso. Basti pensare al Natale degli anni scorsi, fra corse ai regali, mille progetti da chiudere al lavoro prima delle sospirate ferie, le cene da organizzare, i preparativi per il cenone di Natale e Capodanno. Di solito si arrivava stressati e stanchi alla fine dell’anno: ma questo Natale 2020 sarà sicuramente più blando, potremmo cioè permetterci il lusso di prendere le cose con calma, senza correre come trottole impazzite da un incombenza all’altra.

Approfittiamo di queste festività diverse dalle altre per dedicare del tempo a noi stessi, ad esempio leggendo qualche bel libro oppure praticando qualche disciplina sportiva o meditativa, scoprendo un nuovo hobby, o semplicemente coccolandoci con tisane e bagni caldi. Mai come quest’anno ce lo meritiamo.

In questo Natale possiamo riscoprire il piacere delle piccole cose, dalle passeggiate intorno a casa ai pasti consumati in famiglia con i più intimi.

Quelli che faremo quest’anno saranno “viaggi interiori” ed esperienze più raccolte, da soli e/o insieme alle persone che amiamo di più. Se di solito ci affanniamo alla ricerca di qualcos’altro di complesso e a volte irraggiungibile, ora ci è data la possibilità di guardare il mondo con occhi diversi. Ci stiamo abituando ad andare oltre la bellezza più esteriore e sfavillante per gustare il piacere di quella nascosta nelle nostre case e nelle nostre vite.

Questo potrebbe anche essere il momento per riscoprire il valore della solidarietà e dell’impegno. In che modo? Mettendo da parte l’e-commerce e tornando a fare acquisti da botteghe e negozi di quartiere, piccoli artigiani e associazioni di beneficenza.

Mettiamoci alla prova e vedremo quanto è bello coltivare fiori sul terrazzo, fare il pane in casa, stare più a contatto con la natura, goderci un po’ di tempo insieme a chi amiamo con presenza e attenzione.

Durante le vacanze facciamo un po’ di digital detox: essere sempre connessi aumenta lo stress e fa perdere il contatto con la realtà e con gli altri.

Articolo precedenteNatale: come organizzare pranzi & cene consapevoli e sostenibili
Articolo successivoA Natale regala un Albero per celebrare la Vita: l’iniziativa di Tribalosophy

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui